Insieme ai consueti auguri e “a Lei e famiglia”, la frase che sento più spesso in queste settimane è: “Speriamo di non fare troppi danni a Natale”

Dicembre è, tipicamente, tempo di chiusure e bilanci, ma anche di bilance. Moltissimi, infatti, ma soprattutto chi ha iniziato da poco a cambiare le proprie abitudini alimentari, teme di vanificare tutti gli sforzi compiuti finora, a causa delle festività natalizie.
Ma sono davvero così terribili per la nostra linea, queste giornate? O, forse, sono solo il capro espiatorio ideale per nascondere ben altro? Iniziamo col dire che le Feste vere e proprie si contano sulle dita di una mano: tra la vigilia di Natale e l’Epifania (che in Svizzera, tra l’altro, nemmeno si festeggia), i giorni che possono dichiararsi “ipercalorici” a pieno titolo non sono più di 4 o 5.
Vogliamo davvero pensare che 5 giorni in un anno possano influenzare tutto il vostro metabolismo? Andiamo, su: non ci credete neanche voi. E allora? Beh, il problema vero è un altro.
Già a partire da metà novembre, infatti, se non prima, iniziamo ad essere bombardati di pubblicità di dolci, dolcetti, pandori e panettoni, vini e liquori, che a detta degli spot sono indispensabili per creare il vero clima natalizio. Di conseguenza, iniziamo a consumare questi prodotti molto più spesso, sia fuori che a casa.
Questo consumismo natalizio esasperato (che tra l’altro, a mio parere, snatura completamente lo spirito del Natale, altro che crearlo…ma questo è un altro discorso), fa perdere progressivamente il controllo del proprio regime alimentare, tanto che si finisce per buttare tutto all’aria e rimandare a gennaio. Decisione che però non è scevra da un carico di sensi di colpa e spesso dalla perdita di autostima che finisce per rovinarci la festa, anzi le Feste. Con il risultato che, magari, il coraggio per riprendere un percorso di salute non lo si riprende più. A solo vantaggio di chi vorrebbe vederci mangiare panettone anche tutto l’anno, come fanno in Giappone.

Fatevi un regalo, quest’anno. Scegliete di non farvi influenzare dalle innumerevoli tentazioni prefestive: sarà un toccasana per la vostra autostima. E poi, godetevi appieno e senza pensieri le specialità che allietano il vostro Natale e il vostro Capodanno: sarà un toccasana per il palato e per l’anima. E a inizio anno amerete un po’ di più voi stessi, senza odiare troppo la vostra bilancia.

Tanti auguri dalla vostra consulente alimentare
Tatiana Gaudimonte
info@loveyourbody.ch