A scuola in questo periodo ci facevano scrivere il tema sull’autunno: le foglie che cadono, i colori accesi, le castagne…però non mi veniva mai in mente di scrivere che era tempo di raffreddori. Eppure, insieme al ritorno delle calze e dei soprabiti, immancabilmente torna pure la goccia al naso.

Cosa possiamo fare a tavola e non, per evitare di ricorrere ai farmaci, che non sono mai privi di effetti collaterali?

Una buona norma è iniziare ogni pasto con un po’ di frutta o verdura fresche: il carico di acqua biologica e vitamine portato da questi alimenti è insostituibile e particolarmente prezioso per rinforzare il nostro sistema immunitario.

Anche alcuni sali minerali sono importanti per aiutare le nostre difese: zinco, rame e manganese, contenuti per esempio nelle noci e in altri semi oleosi, nei cereali integrali, nell’avocado e nella soia, ma anche nelle uova. In casi di particolari carenze possono anche essere integrati grazie a prodotti specifici venduti in farmacia o in erboristeria.

Anche l’omeopatia può essere un valido aiuto, grazie a composti come la nux vomica o l’oscillococcinum.

Ultimo ma non ultimo….lo sport! Eh sì, fare attività fisica regolare stimola la funzionalità immunitaria e protegge dai mali stagionali più di quanto possiate pensare. L’importante è essere costanti, non strafare, idratarsi ed alimentarsi nel modo corretto anche prima e durante l’attività fisica.

Alimentazione e stile di vita attivo sono le uniche medicine dai sicuri benefici e senza effetti collaterali: cosa aspettate a prescriverveli?

Saluti sani dalla vostra

Tatiana Gaudimonte