Noci, mandorle e altri semi oleosi vengono spesso evitati o centellinati per paura di ingrassare. E invece…

Quando invito i miei clienti a consumare giornalmente frutta secca, l’obiezione che mi viene rivolta più spesso è: “Ma non fanno ingrassare, con tutte quelle calorie?”.

La risposta breve che dò normalmente (breve, perché in genere me lo chiedono sulla porta, quasi vergognandosi della domanda), ossia che il loro effetto saziante rende quasi impossibile (o per lo meno, molto impegnativo!!) “abbuffarsi” di noci, viene corroborata ed anzi ampliata da un recentissimo studio, che è stato effettuato su un campione enorme: quasi centocinquantamila persone, seguite nell’arco di vent’anni.

È stato osservato che, sostituendo anche solo mezza porzione di un cibo meno sano (es. patatine fritte) con mezza porzione di noci o simili, il rischio di aumentare di peso e/o di diventare obesi diminuisce, nonostante si tratti di alimenti ad alto contenuto calorico.

La spiegazione del fenomeno si riconduce alle differenze tra i cibi “nutrient dense” e “non nutrient dense”, ossia tra alimenti che, oltre all’energia, forniscono elementi preziosi come fibre, proteine nobili, grassi buoni, vitamine e sali minerali, e quelli che non ne forniscono. Indovinate quale dei due saziano più a lungo?

 

E se non vi sembra fantastico dimagrire sentendosi sazi, ditemi voi cosa lo è…

 

Saluti e noci miste
dalla vostra consulente nutrizionale
Tatiana Gaudimonte

info@loveyourbody.ch #loveyoubody #loveyourself

Fonte:

X Liu et al – Changes in nut consumption influence long-term weight change in US men and women. BMJ Nutrition, Prevention & Health, 2019